L’Intervista a Patrizia Mezzetti

Biografia: Parlaci di te, i tuoi studi, le tue esposizioni, ecc…

Sono Patrizia Mezzetti ho sempre avuto una predisposizione artistica  per disegno e pittura, con particolare attenzione all’aspetto cromatico; crescendo ho sviluppato questa mia disposizione aiutata, in particolar modo negli anni scolastici, dalla mia insegnante di storia dell’arte che mi ha educata all’utilizzo di pennelli e colori.

Domanda: Quali sono stati i tuoi primi approcci al mondo dell’arte?

Risposta: Lo studio approfondito del periodo impressionista, macchiaiolo e dei primi manifesti pubblicitari mi ha aiutata a sviluppare la tecnica e il metodo, particolarmente nel disegno a china e nella pittura ad olio.

D: Se ci sono stati, chi sono i tuoi riferimenti culturali, il tuo maestro, il tuo faro nella tempesta?

R: Come ho gia’ detto certi periodi artistici, a me cari in modo particolare, sono stati la mia fonte di ispirazione. Il territorio in cui ho vissuto mi ha favorita e ispirata nell’utilizzo dei colori.

D: Quali sono i soggetti della tua arte e da dove prendi spunto per i tuoi lavori?

R: La campagna umbra e toscana,  sono lo specchio delle mie opere: le colline fiorentine, le crete senesi e le paludi del Trasimeno.  L’approccio ai primi manifesti pubblicitari talvolta mi ha ispirata a riprodurre la figura umana.

D: Dietro ogni tuo lavoro c’è un significato profondo, un aspetto che vuoi fare emergere?

R: Ogni mio lavoro porta alla luce l’ambiente e i paesaggi a me cari.

D: Che cos’è per te il “bello”? Esiste il bello nell’arte?

R:Il bello nell’arte e’ quello che ciascuno di noi ci vuol vedere, e per l’artista e’ quello che lui riproduce.

D: A cosa ti stai dedicando ultimamente? Alla scultura, alla pittura o alla fotografia? Quale percorso stai seguendo?

R: Il mio percorso continua nella pittura ad olio.

D: Qual è il tuo metodo di lavoro? Spiegaci come arrivi all’opera finita…

R: La mia opera e’ sempre un riprodurre la realta’ che osservo.

D: Parlaci un po’ dei tuoi strumenti di lavoro, dei materiali che usi, dei colori che prediligi…

R: Pennelli, tele, colori ad olio sono i miei strumenti di lavoro. I colori che prediligo sono i verdi e gli aranci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...